Streaming e contenuti multimediali

Pensare che tra qualche tempo non troppo lontano potremmo non fare più differenza tra televisione e computer non è così azzardato. Oggi la fruizione dei contenuti multimediali è molto variegata, soprattutto per conseguenza della mobilità delle persone che è aumentata vertiginosamente negli ultimi anni. Sempre più persone si spostano, così aumenta il tempo passato fuori casa e di conseguenza c’è la necessita di slegare i contenuti televisivi dal mezzo 5324706259_286f06d668_otelevisione. Oggi i grandi network della tv come Mediaset e Sky ad esempio sono impegnate a potenziare ed aumentare la propria offerta commerciale che vira in maniera netta verso la mobilità. Grazie allo streaming sono divenute realtà i contenuti dedicati alla tv disponibili sui dispositivi mobile come i notebook, i tablet e gli smartphone. Tutto questo permette oggi di vedere la tv di casa, anche quella satellitare, anche quando si è lontani migliaia di chilometri dalla propria abitazione.

La tecnologia streaming permette oggi di trasmettere in diretta sul web in maniera libera, senza la spinosa questione delle frequenze che invece regolano la televisione, più quella digitale che quella satellitare. Con la diffusione di internet su grande scala si sono affinate tecnologie alternative che hanno inevitabilmente trasformato il modo di usufruire di contenuti multimediali e d’intrattenimento, come possono essere film (consigliamo questo sito), partite di calcio, programmi tv o documentari streaming. Per qualsiasi tipo di contenuto oggi la tecnologia streaming consente di poterseli godere in qualsiasi posto ci si trovi, con l’unico vincolo di avere a disposizione una connessione a internet. Tutto questo ha delle conseguenze anche sul mercato pubblicitario, dato che i siti web che ospitano canali streaming possono far valere un gran volume di traffico che si traduce in importanti investimenti in pubblicità da parte degli inserzionisti.

10565489174_6f4021f3fb_oSia che si guardino sul proprio pc documentari streaming, film o qualsiasi altra cosa, non si può certo negare la grande comodità di questa tecnologia. Non va comunque dimenticato che la rete, come con la questione del PeertoPeer e la condivisione illegale di file coperti da copyright, anche con lo streaming tende delle volte a riprodurre contenuti di canali televisivi tradizionali senza la loro autorizzazione. Un esempio lampante di questo fenomeno è legato alla partite o agli eventi sportivi, ovvero eventi per i quali le televisioni pagano importanti diritti televisivi per assicurarsi l’esclusiva, trasmettendo l’evento solo agli abbonati o a chi ha comunque pagato per acquistare la visione della singola manifestazione sportiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *